logo-libreumbria2

La realtà del Software Libero in Italia è ormai consolidata, anche nelle pubbliche amministrazioni. Un conto però è capire l’importanza del codice aperto e delle licenze rispettose dei diritti degli utenti, così come dei formati aperti, e un’altra è adottarli al proprio interno e per le proprie procedure.

Ogni tanto si sentono fortunatamente ottime notizie in tale direzione (non ultima quella del corso di LeenO/Ultimus che è stata richiesta dalla Provincia di Milano e che si sta svolgendo in questi giorni): grazie al blog di Medicina Open Source e ai suoi interessanti post anche sulla rete friendica, siamo venuti a conoscenza del passaggio a Libreoffice della Regione Umbria: il progetto LibreUmbria.

Speriamo che sia di buon auspicio anche per il futuro di LeenO!